domenica 14 ottobre 2018

Birre trappiste: la Tradizione del luppolo arriva a Casaggì e al Bogside...


Venerdì 19 e Sabato 20 ottobre - a Casaggì - parleremo delle birre trappiste, degustando il malto delle migliori abbazie del mondo. Un viaggio nella Tradizione europea del luppolo e della produzione artigianale tramandata nei secoli.

* Evento con ingresso riservato ai soli soci e offerta libera.

Etica guerriera: una grande giornata a Casaggì, con Skoll e Ferrogallico...

la presentazione del fumetto su Ungern Khan

L'etica del guerriero. E' stato questo il tema della splendida giornata di ieri. Una Casaggì gremita, dal primo pomeriggio fino a tarda notte, ha ospitato la presentazione del fumetto dedicato ad Ungern Khan - edito da Ferrogallico - e il concerto di Skoll. Un appuntamento denso e importante, che i tanti presenti hanno vissuto all'insegna dell'approfondimento culturale e dell'armonia comunitaria. 

Un lungo viaggio, che ci ha portati ad esplorare le manifestazioni dello spirito guerriero in ogni forma e in ogni luogo: dalle steppe mongole e russe calcate da Ungern Khan alle gole afgane difese da Massud, dal cielo del Giappone attraversati dagli Zero a quello di Vienna violati da Gabriele D'Annunzio, dalle trincee della Grande Guerra ai prati d'Irlanda. Tante manifestazioni di una medesima attitudine: quella del dono di sé, dello sforzo eroico e del sacrificio per la Patria. 

Skoll in concerto

 
Una parte della sala durante il concerto di Skoll

venerdì 12 ottobre 2018

Azione Studentesca contro la marginalizzazione della storia nella scuola: "senza radici non c'è futuro"!


AZIONE STUDENTESCA: NO ALLA MARGINALIZZAZIONE DELLA STORIA NEI CURRICULUM E NEI TEMI DI MATURITA’. SENZA RADICI NON ABBIAMO FUTURO. 

Le nuove direttive del Miur in materia di esami di maturità - diramate lo scorso 4 ottobre con la circolare 3050 - introducono “linee guida” preoccupanti, tra le quali spicca l’abolizione del tema storico, che potrebbe essere inglobato da altre tracce o rimosso del tutto. Un provvedimento che riteniamo sbagliato, perché pienamente in linea con la “Buona scuola” di Renzi e dei poteri forti, pensata per allevare polli in batteria e piegare gli studenti agli standard del mercato. 

Ma il problema è più profondo e più complesso di quanto sembri. Non è l’abolizione del tema storico in sé, per quanto grave, il bandolo della matassa: ciò che dovrebbe essere totalmente rivisto, infatti, è l’approccio generale alla materia, che negli ultimi anni è stata letteralmente declassata dai curriculum di molti Istituti tecnici o professionali e che - con sempre maggiore frequenza - viene ridotta al nozionismo da cruciverba.

Il leitmotiv di fondo è fin troppo chiaro: per essere dei buoni cittadini e degli efficienti lavoratori, nel terzo millennio, non vi è più bisogno di conoscere la propria storia. E’ un concetto agghiacciante, che però trova terreno fertile nella tendenza delle attuali élite economiche e tecno-finanziarie del mondo occidentale, evidentemente impegnate nell’imporre una società liquida che trova nel consumo e nell’edonismo la soddisfazione materiale di ogni proprio capriccio. 

Se si decostruiscono le Nazioni, si sostituiscono i popoli e si recidono le radici - del resto - che bisogno c’è di conoscere l’eredità culturale dei propri antenati? Se le identità e le civiltà sono “retaggi superati”, infine, perché dovremmo perdere tempo con queste sciocchezze improduttive? E’ certamente più proficuo educare allo spread e al trading digitale, perché al coach-manager della tua futura azienda - quello che firmerà il tuo contratto sottopagato a trenta giorni - non interessano le gesta di Leonida alle Termopili, quelle della cavalleria polacca alle porte di Vienna o quelle dei fanti italiani nella battaglia del solstizio. 

Quale scuola vogliamo, allora, per l’Italia? Certo, non possiamo alienarci completamente dallo spirito di questo tempo, anche quando non ci piace: la dura realtà del mondo del lavoro, senza dubbio, impone un certo pragmatismo e una precisa flessibilità. Tuttavia, non possiamo neanche cedere ai diktat di un mondialismo che ci vuole spersonalizzati, omologati e senza riferimenti. Non possiamo, cioè, accettare passivamente l’idea di una scuola spogliata di ogni riferimento storico e filosofico, poiché crediamo che questa - anzitutto - debba essere un luogo di Formazione inteso nel senso tradizionale del termine: una palestra di vita, ancor prima che l’anticamera dell’impresa. La scuola, sostanzialmente, dovrebbe educare alla coscienza di sé, alla capacità critica, alla Kultur intesa quale civiltà in senso ampio. Senza un adeguato studio della storia, indubbiamente, non può farlo. 

Chi saremmo noi, giovani studenti, senza il lascito dei nostri santi, dei nostri martiri e dei nostri eroi? Atomi, soli e senza destino. Che cosa sarebbe il nostro popolo senza la coscienza di un sapere condiviso, costruito in millenni di storia? Una massa informe, senza tratti e volontà. Che cosa sarebbe la nostra Nazione senza le guerre che l’hanno fatta e difesa? Un’espressione geografica, senza identità e senza confini. Noi siamo ciò che ci è stato trasmesso, perché il futuro è nelle radici.

domenica 7 ottobre 2018

Sabato 13 ottobre arriva Skoll a Firenze: conferenza e concerto a Casaggì



Dopo l'inaugurazione del Bogside - di venerdì 28 settembre - e il fine settimana del 5 e 6 ottobre, dedicato all'OktoberFest e ai Freikorps, proseguono le attività di Casaggì e della nuova birreria.

Sabato 13 ottobre, sarà presente Federico Goglio - in arte Skoll - nella doppia veste di conferenziere e cantautore. Dalle ore 18, infatti, si presenterà il fumetto di Ferrogalico dedicato alla leggendaria figura di Ungern Khan; si proseguirà dalle 19 con un buffet - dalle 21 - si andrà avanti con il concerto di musica alternativa. 

Una giornata da non perdere, incentrata sulla cultura, sulla musica e sulla Comunità.


Sabato 13 ottobre 2018
ETICA GUERRIERA


- ore 18, presentazione del fumetto di Ferrogallico:
"Ungern Khan - il Dio della guerra".
- ore 21, Skoll in concerto.

CASAGGì FIRENZE
via Frusa 37 - zona stadio

* Venerdì 12 ottobre il Bogside resterà attivo 
con ingresso riservato - come sempre - ai soli soci.



Aggregazione e Comunità: un successo il week-end tedesco al Bogside di Casaggì


Il Bogside è partito alla grande. Il primo fine settimana dopo l'inaugurazione dello scorso 28 settembre, dedicato all'Oktoberfest e alla Tradizione tedesca, ha registrato il tutto esaurito. Una grande partecipazione, che ha visto radunarsi - tra la buona compagnia e l'approfondimento culturale - decine di militanti e di soci, confermando le attese e restituendo alla nuova associazione il meritato ruolo di spazio aggregativo.


Uno splendido clima - animato dall'intervento di Maurizio Rossi sui Freikorps - ha accompagnato la bella serata di sabato, trascorsa tra i racconti dell'epica guerriera e il sapore del luppolo bavarese. Momenti indelebili, che hanno restituito ai presenti la sensazione unica della Comunità: condivisione, autenticità, cameratismo e allegria. 


Il prossimo appuntamento è fissato per sabato 13 ottobre, con la presentazione del fumetto di Ferrogalico su Ungern Khan (alle ore 18), la cena sociale (alle 20) e il concerto di Skoll (dalle 21). Cultura e musica, nel solco dell'identità e dell'anticonformismo. 

lunedì 1 ottobre 2018

Unifi: la destra sbarca in facoltà con Casaggì e Azione Studentesca


L’Università è un cadavere in putrefazione. Il tempio della cultura, nel silenzio generale, ha ceduto il passo al “pensiero unico dominante”: nessuno slancio, nessuna reazione, nessuna tensione. 

Ti educano al mondo del lavoro, facendoti rassegnare all’idea di un futuro flessibile e precario, dove sarai l’ingranaggio sorridente di un sistema che ti sfrutterà come un pollo in batteria. Il tuo orizzonte quotidiano è scandito dalle code in segreteria, la tua rivoluzione è abbassare il costo della mensa: agogni stancamente la fine, un esame dopo l’altro, consolandoti con i cocktail annacquati di qualche “student party”. Hai vent’anni, ma ti trattano come se avessi già rinunciato a sognare, a vivere e a lottare. È davvero questo il tuo destino? 

L’Università è un cadavere in putrefazione, ma noi ci sentiamo benissimo. Siamo per qui tornare a parlare di radici, di popolo e di identità, nel solco di una Tradizione senza tempo che abbraccia l’etica delle idee che diventano azioni: oltre i diktat del mercato, i dogmi dell’accademia e il fatalismo dell’intellighenzia progressista. 

Ci schieriamo - qui ed ora - per la costruzione di un fronte alternativo, sovranista e militante, stanco di assistere al triste teatrino di una rappresentanza studentesca egemonizzata da piccoli burocrati, falsi ribelli e preti mancati. 

Lanciamo la sfida della riconquista identitaria attraverso l’elaborazione di una rivista, la realizzazione di iniziative culturali e l’edificazione di una struttura politica radicata in ogni facoltà, nella certezza che il vento del cambiamento - una volta e per sempre - spazzerà via il grigiore di questo tempo molle.



VIENI A TROVARCI A CASAGGì FIRENZE 
Lo spazio identitario della destra fiorentina, 
aperto ogni giorno con birreria, cene, libreria, musica e conferenze 

VIA FRUSA 37 - ZONA STADIO - 055/5000825

sabato 29 settembre 2018

Nasce il Bogside, progetto culturale e comunitario...


Bogside ha aperto i battenti. Un progetto unico nel suo genere, che ha contribuito a riempire Casaggì e a restituire una magnifica atmosfera comunitaria ai tanti presenti, nel solco di una condivisione quotidiana e di un sano spirito goliardico che - da sempre - rappresentano la linfa vitale del nostro percorso militante. 

un bel brindisi ha fatto da cornice ad uno spazio totalmente rinnovato, dove i lavori di falegnameria - condotti dai nostri attivisti - hanno accompagnato la pittura dei nuovi murales, dedicati alla storia irlandese e ai simboli identitari del nostro percorso di lotta. 

Aria pura, empatia e fratellanza: è la Comunità che si vive e si ritrova, senza ansie e senza secondi fini. Una sensazione irripetibile, che non può essere descritta: sentirsi a casa come non lo si è in nessun altro luogo, percepire l'energia vitale di un contesto ribelle, attingere a piene mani dalla storia di un mondo che ha radici profonde e solide gambe. 


Saremo operativi ogni venerdì e ogni sabato, con eventi a tema che - di settimana in settimana - sapranno rinnovarsi e farsi coinvolgenti con la trattazione di un tema culturale specifico.


Dopo l'inaugurazione di venerdì 28 settembre, dunque, si prosegue con un week-end dedicato alla cultura tedesca: birre bavaresi e - sabato 5 ottobre - una serata dedicata ai Freikorps, i corpi franchi che animarono il contesto politico germanico dopo la Grande Guerra. Interverrà Maurizio Rossi. 


Sabato 13 ottobre, invece, sarà la volta di un doppio appuntamento: la presentazione - alle ore 18 - del fumetto di Ferrogalico dedicato alla leggendaria figura di Ungern Khan e - dalle 21, dopo una cena comunitaria - sarà dato spazio al concerto di musica alternativa con Skoll, che presenterà il suo lavoro dedicato a Gabriele D'Annunzio e suonerà i pezzi forti del suo repertorio. Un grande evento, tutto dedicato all'etica guerriera. 


Venerdì 19 e sabato 20 ottobre - invece - sarà la volta delle birre trappiste, prodotte nelle migliori abbazie del Vecchio Continente. Un momento di comunione con la profonda Tradizione del luppolo europeo, tramandata per secoli e pronto ad essere gustata dai nostri avventori. 

BOGSIDE PUB e CASAGGì FIRENZE
via Frusa 37 - zona stadio

venerdì 14 settembre 2018

ANTIFASCISTI CONTRO GIOVANNI GENTILE. CASAGGì CANCELLA LA SCRITTA: "INCAPACI DI VIVERE UNA VITA DEGNA, SE LA PRENDONO CON I MORTI"...




Nei giorni scorsi, con il favore del buio, i soliti perditempo della "Firenze antifascista" hanno pensato bene di recarsi al Salviatino - sul luogo dell'assassinio di Giovanni Gentile - per vergare questa triste scritta contro di lui.

Un gesto vile, come nella migliore tradizione antifascista, al quale il nostro Alessandro Draghi ha posto rimedio in meno di dieci minuti, con pennellessa e vernice.

Naturalmente, come da prassi, il silenzio delle Istituzioni è stato assordante: da anni, infatti, ci battiamo affinché il ricordo di uno dei più importanti filosofi della cultura italiana, tra i riformatori della nostra scuola, venga restituito alla città e alla Nazione, come in ogni Paese civile.

Continueremo a farlo, ogni giorno, oltre la demenza di chi - incapace di vivere degnamente - se la prende con i morti.

sabato 8 settembre 2018

MARCO TARCHI A CASAGGì: SALA STRACOLMA PER "L'ITALIA POPULISTA"...





Sala stracolma e gente in piedi, ieri sera, per l’apertura del nuovo anno militante a Casaggì. L’ospite era Marco Tarchi, che ha presentato “L’Italia populista”, testo fondamentale per definire e comprendere uno dei fenomeni più importanti del nostro tempo.

Una splendida serata, iniziata con una partecipatissima cena e proseguita con l’analisi politologica e storica della mentalità populista, dal qualunquismo a Beppe Grillo: un excursus puntuale e preciso, che ci ha portati fino agli attuali scenari.

Ancora una volta, tra vecchie e nuove generazioni, Casaggì è stata spazio di approfondimento e ritrovo della Comunità, nel solco di un impegno quotidiano che si manifesta nell’azione politica, nella diffusione culturale e nella condivisione di momenti e valori.


AGOGHE', IL CAMPO NAZIONALE DEGLI IDENTITARI. AZIONE STUDENTESCA E' IN MARCIA, VERSO LA RICONQUISTA!




















11 AGOSTO: CASAGGì AL SACRARIO DI TRESPIANO PER I CADUTI DELLA RSI...

 
 

Anche quest’anno, come da Tradizione, Casaggì ha ricordato i caduti della Repubblica Sociale Italiana al sacrario di Trespiano.
Nonostante il caldo afoso e le tante persone lontane dalla città a causa delle ferie, la partecipazione è stata nutrita e importante, oltre ogni più rosea aspettativa.
Il ricordo dei nostri caduti - che hanno difeso l’onore d’Italia e tenuto fede al proprio giuramento di soldati fino all’ultimo respiro - oltrepassa il tempo, trasmettendosi con rinnovata energia di generazione in generazione.
L’esempio è immortale.

L'ESEMPIO E' IMMORTALE...

 
 

Nel mese di agosto i nostri militanti hanno contribuito al mantenimento del sacrario dei caduti della Rsi di Trespiano, ripulendolo e riposizionato un vaso precedentemente rotto.
Un ringraziamento speciale all’artigiano che, appresa la necessità di doverlo sostituire, non ha esitato a realizzarlo e donarlo alla memoria dei nostri caduti. 

VOLANTINAGGIO E INCONTRI CON I CITTADINI A LE PIAGGE...


 

Nel pomeriggio di ieri il nostro Alessandro Draghi, con i militanti di Casaggì e Fratelli d’Italia, ha effettuato un volantinaggio e un sopralluogo a Le Piagge, su segnalazione dei residenti.

Ancora una volta, malgrado le belle parole di Nardella, abbiamo constatato lo stato di abbandono delle periferie, dove le discariche a cielo aperto fanno da sfondo ai palazzi abbandonati, alle piazze di spaccio e alla libera iniziativa di delinquenti stranieri.

Come sempre, attraverso la nostra azione politica e militante nelle strade e nelle Istituzioni, cerchiamo di essere la voce e il punto di riferimento di tutti quei fiorentini che la nostra amministrazione ha declassato a cittadini di “serie b”.


Presto, per la nostra gente, arriverà il giorno del riscatto.